La nostra storia

Musica oltre i confini

Orchestra Machiavelli è giovane, dinamica e complessa

Orchestra Machiavelli è un’orchestra giovane, formata da musicisti professionisti under 35, tutti con diplomi in alta formazione musicale in grado di raggiungere elevati livelli di performance. Ha una Direzione Artistica anch’essa giovane, capace di valorizzare al meglio la musica colta, ma anche di contaminarla con altri generi musicali; da questo connubio nascono produzioni originali d’avanguardia, fatte di incontri tra realtà che sembrano distanti tra loro ma che in realtà possono essere avvicinate e mescolate assieme, per creare e interpretare una musica che non possiede confini.

Orchestra Machiavelli è un’ensemble che collabora sia con musicisti emergenti – questo perché uno dei propositi per cui l’Orchestra è nata è stato quello di poter veder riconosciuto il valore professionale degli artisti che la compongono e di valorizzarlo al meglio – sia con artisti affermati sulla scena nazionale ed internazionale.

Infine, è una realtà culturale che vuole arrivare al più ampio pubblico possibile, per dimostrare che la musica colta non è per pochi ma può essere per tutti, anche per coloro che in una sala da concerto non sono mai entrati.

La storia

La storia di Orchestra Machiavelli inizia a Verona nel 2015, quando Fucina Culturale Machiavelli, teatro off nel cuore di Verona, fonda un’orchestra residente e dà inizio ad una propria Stagione Musicale.

L’Orchestra nasce da un gruppo di giovani professionisti under 35, diplomati presso il Conservatorio di Musica E.F. Dall’Abaco, alla ricerca di un riconoscimento professionale e con il desiderio di trasmettere la propria passione per la musica anche a giovani che non avevano mai messo piede in una sala da concerto.

Direttore stabile dell’orchestra dal 2015 è l’istrionico direttore e pianista Sergio Baietta.

La Direzione Artistica di questa orchestra è guidata da Stefano Soardo e Rebecca Saggin, tra i fondatori di Fucina Culturale Machiavelli, ed ha come cifra stilistica principale la contaminazione di linguaggio e l’abbattimento di barriere tra generi musicali. Il repertorio dell’Orchestra Machiavelli, seguendo questa filosofia, accosta così i grandi compositori della classicità ad autori della musica contemporanea, jazz, folk e rock.

L’Orchestra Machiavelli ha inoltre eseguito numerose composizioni in prima esecuzione assoluta a lei espressamente dedicate, e commissionato nuove opere a talenti emergenti e affermati dell’odierno panorama musicale.

Altro aspetto importante delle produzioni originali dell’Orchestra Machiavelli è l’attenzione alla teatralità e alla multidisciplinarietà che trasforma i concerti in veri e propri eventi. Light design, collaborazioni con attori e mimi, coinvolgimento del pubblico in veri e propri quiz, video installazioni: le sorprese non mancano mai.

Pur di recente formazione, l’Orchestra Machiavelli vanta già collaborazioni con importanti artisti quali Mimmo De Tullio, il rocker Whitfield Crane, il Maestro Andrea Battistoni, il sassofonista Jesse Davis e il Maestro Min Chung. Si è esibita su rinomati palcoscenici, come la Sala Maffeiana ed il Teatro Ristori di Verona, il Teatro Zandonai di Rovereto.

Nell’ottobre 2017 l’Orchestra Machiavelli si è esibita  con il grande clarinettista Richard Stoltzmann e sua moglie Mika Stoltzman, virtuosa di marimba, all’interno della prestigiosa rassegna “Il Settembre dell’Accademia” al Teatro Filarmonico di Verona. Richard e Mika Stoltzmann sono tornati in Italia nel novembre del 2018 per esibirsi con l’ensemble dell’Orchestra Machiavelli.

L’Orchestra ha poi partecipato alla rassegna nel 2018 e nel 2019, dove ha suonato in formazione sinfonica. Per l’occasione ha presentato alla città di Verona il violinista Davide De Ascaniis, talento padovano già affermato negli Stati Uniti. La serata è stata inoltre il debutto del giovane direttore d’orchestra Leonardo Benini.

Il concerto ha replicato anche a Padova nella Chiesa di Santa Caterina.